Menu Principale

DOMENICA 28 GENNAIO 2024,ORE 19,30 LA COMPAGNIA TEATRALE "ORGOGLIO NAPOLETANO" DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA) PRESENTERA' LA COMMEDIA IN DUE ATTI: " LUISE' "

Domenica 28 Gennaio 2024, ore 19,30, a Preturo di Montoro (AV), ex scuole elementari in Via Sottana,1, realizzeremo il 21° evento della rassegna teatrale: “ XXVI Festival Regionale del Teatro Amatoriale Città di Montoro”. Ospiteremo, per la seconda volta a Montoro, la Compagnia Teatrale: “Orgoglio Napoletano” di Giugliano in Campania (NA). La loro prima partecipazione è avvenuta il 19 Gennaio 2020, nell’ambito della XXIV edizione della rassegna. Sarà rappresentata la commedia in due atti: “ LUISE' ” scritta e diretta  da Benedetto Ferriol, vincitrice della Menzione Speciale al Premio Massimo Troisi 2022,della Giuria del Master di II livello in Drammaturgia e Cinematografia dell'Università degli Studi di Napoli "Federico II". La Compagnia Teatrale " Orgoglio Napoletano ", è da più di 10 anni che si esibisce e collabora con Associazioni, Comuni e Scuole. Benedetto Ferriol, Presidente della Compagnia Teatrale, è anche autore e sceneggiatore teatrale.Le sue commedie trattano temi sociali, ma anche commedie divertenti, che, comunque, debbono sempre lasciare un messaggio al pubblico.La commedia Luisè, parla di una donna di circa 40 anni, che fa l’escort; gli è stato tolto il figlio dagli assistenti sociali perché si prostituisce, ma grazie all’amicizia di un onorevole, il fanciullo viene affidato alla famiglia della sorella di Luisè, che non hanno figli.  Luisè, si porta dietro un passato fatto di sacrifici e rinunce, il padre alcolizzato, picchiava spesso la madre, e lei che era la più grande cercava di mettersi tra la madre e il padre, ma veniva quasi sempre picchiata anche lei. Luisè, esce incinta, ma il suo ragazzo sparisce, va via, e lei si ritrova quasi tutti contro, e deve affrontare tutto e tutti da sola. Un bel giorno poi arriva un prete che cambierà la vita di Luisè. Luisè, vive con la madre, affetta da Alzheimer; la madre insieme alla sua amica che vive nello stesso palazzo, daranno vita a momenti esilaranti durante la commedia. La commedia tocca temi sociali come la !malattia (alzheimer), anche se in modo umoristico, il giudizio della gente, sempre pronta a giudicare e condannare, senza sapere la verità, ignorando il dolore che ogni essere umano porta dentro di sé. Vi aspettiamo numerosi per vivere insieme “la magia” del Teatro!

 

 

 

 

 

 

IL (MIO)PRIMO EDUARDO SABATO 20 GENNAIO 2024,ORE 19,30 COMPAGNIA ARTEATRO DI SOLOFRA (AV) E CAMOMILLA A COLAZIONE DOMENICA 21 GENNAIO 2024, ORE 19,30 COMPAGNIA DEI MERCANTI SALERNO

“XXVI FESTIVAL REGIONALE DEL TEATRO AMATORIALE CITTA’ DI MONTORO (AV)” LABORATORIO DI TEATRO AMATORIALE- Ex Scuole Elementari Preturo di Montoro (AV) Via Sottana, Nr.1- La Compagnia “ArTeatro” di Solofra (AV) presenta: SABATO 20 GENNAIO 2024, ORE 19,30- IL (Mio) PRIMO EDUARDO! Ideato e diretto da Alfonso Grassi.SIK SIK L’ARTEFICE MAGICO E GENNARENIELLO- Due tempi da Eduardo De Filippo- con Alfonso Grassi, Emilia Bruno, Maria Rosaria Califano, Francesca Del Vacchio, Arturo Lissa, Regina Presutto, Enrico Santoro, Renato Siniscalchi. “Perché il mio primo Eduardo? Perché è stato il mio primo grande successo con quasi 100 repliche realizzate agli inizi degli anni 90, dove il personaggio di Sik-Sik prese forma anche grazie alle indicazioni sapienti dell’attore Franco Angrisano, che ha recitato quasi dieci anni nella compagnia di Eduardo, e mi disse: “Alfonso tieni propria ‘a faccia e Sik Sik”. Lo spettacolo contiene la prima drammaturgia eduardiana e precisamente due atti unici: Sik–Sik l’artefice magico del 1929 e Gennareniello del 1932. Il primo, è senz’altro uno dei capolavori teatrali del 900 italiano; un testo immediato, comprensibile da chiunque e allo stesso tempo raffinatissimo. L’uso che Eduardo fa del napoletano e allo stesso tempo il rapporto tra la lingua italiana e quella napoletana trova l’equilibrio di una forma perfetta. Narra le disavventure di un disgraziato prestigiatore da strapazzo; viene messa in scena nel suo accadere, quell’invenzione che, grazie al genio dell’autore, fa nascere la maschera-personaggio di Eduardo. Il secondo, sempre appartenente alle opere contenute nella “Cantata dei giorni pari” è una commedia breve e all’apparenza leggera, intrisa da una profonda melanconia dell’autore nei confronti di quegli uomini che, da sempre, attratti dalle grazie femminili e dalle lusinghe della giovinezza, non si rassegnano al passare del tempo e pensano di non essere considerati e amati dalla propria famiglia. Recensione dell’autore Alfonso Grassi. “XXVI FESTIVAL REGIONALE DEL TEATRO AMATORIALE CITTA’ DI MONTORO (AV)” LABORATORIO DI TEATRO AMATORIALE Ex Scuole Elementari Preturo di Montoro (AV) Via Sottana, Nr.1 DOMENICA 21 GENNAIO 2024, ORE 19,30 La Compagnia Teatrale “DEI MERCANTI” di SALERNO presenta: CAMOMILLA A COLAZIONE 3 Atti di Umberto Castaldi. La trama è un luogo comune popolare: “a comandare nelle famiglie sono sempre le donne!” Ma di mezzo c'è l'amore: quello tra la giovane e bella Angelina e il suo sposo. Una relazione contrastata da Erminia madre della sposa. Una donna che oltre ad essere una tiranna è anche molto furba ed è con la sua furbizia e scaltrezza che riesce a piegare il marito e il genero. Pur di non darla vinta agli uomini ne combinerà di tutti i colori!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

     

 

  

SABATO 6 GENNAIO 2024,ORE 19,30 "METTIMMECE D'ACCORDO E CE VATTIMME" COMPAGNIA TEATRALE "COSI' PER CASO" DI SALERNO; DOMENICA 7 GENNAIO 2024, ORE 19,30 -"INPS -INGANNI NAPOLETANI PER SOPRAVVIVERE" COMPAGNIA TEATRALE "MA CHI M'O FFA FA'" DI GIUGLIANO (NA)

Sabato 6 Gennaio 2024, ore 19,30 e Domenica 7 Gennaio 2024, ore 19,30 festeggeremo l’arrivo dell’anno nuovo 2024 offrendo al pubblico affezionato e competente del “XXVI Festival Regionale del Teatro Amatoriale Città di Montoro”, due memorabili spettacoli di teatro: Sabato 6 Gennaio 2024, ore 19,30 - "METTIMMECE D’ACCORDO E CE VATTIMME" -Compagnia Teatrale “COSI’ PER CASO” di Salerno. Conosciutissima, divertentissima ed esilarante commedia in due atti scritta, nel 1979, dal noto commediografo e poeta napoletano Gaetano Di Maio. Regia di Maria Caiafa. In casa Iaccarino vivono in contrasto i coniugi Geppino e Margherita. Come se non bastasse, per loro c’è anche un nonno da accudire e una sorella zitella da sistemare. Durante le vari fasi della commedia non mancheranno i continui equivoci e litigi tra i personaggi all’interno di una famiglia giunta al limite della pazienza e della sopportazione. Scoppiettante e sorprendente si annuncia il finale, quando in casa Iaccarino tornerà finalmente la pace.

DOMENICA 7 GENNAIO 2024, ORE 19,30 "INPS – INGANNI NAPOLETANI PER SOPRAVVIVERE" – Due atti di Eva De Rosa e Massimo Canzano- Compagnia Teatrale:  “MA CHI M’O FFA FA’ ” di Giugliano in Campania (NA). Ironica rappresentazione dell'arte di arrangiarsi nell'era digitale. Un piccolo truffatore escogita metodi strampalati per estorcere denaro a povera gente adescata su internet con l'aiuto della moglie che lo asseconda spinta dalla speranza di una vita migliore. Situazioni esilaranti e paradossali che vedono tra i coprotagonisti un comicissimo australiano con i suoi detti aborigeni, un religiosissimo ispettore dell’INPS e una signora che cerca contatti con un parente defunto. Divertente commedia di vecchio stampo che regge e allieta soprattutto in virtù dell'innata comicità partenopea, corroborata dalle tipiche situazioni imperniate su intrighi e avventure galanti. La regia sarà curata da Ciro Cirillo.

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

"CAVIALE E LENTICCHIE" COMPAGNIA TEATRALE "L'ANFITEATRO" di NAPOLI DOMENICA 14 GENNAIO 2024, ORE 19,30

DOMENICA 14 GENNAIO 2024, ORE 19,30 – Atrio ex Scuole Elementari Preturo di Montoro (AV), Via Sottana, 1-18° appuntamento del “XXVI Festival Regionale del Teatro Amatoriale Città di Montoro”. LA Compagnia Teatrale “ L’ANFITEATRO” di NAPOLI presenterà  lo spettacolo: “CAVIALE E LENTICCHIE” - commedia brillante in tre atti e due tempi di Giulio Scarnicci e Renzo Tarabusi. La regia è di Bruno Anselmi. Negli anni cinquanta Giulio Scarnicci e Renzo Tarabusi, celebri autori di rivista, firmano questa commedia di intreccio, leggera e brillante: “CAVIALE E LENTICCHIE”, scritta nel 1956 e portata al successo, anche televisivo, negli anni sessanta, da Nino Taranto e Regina Bianchi. E’ stata rappresentata spesso non solo in Italia ma anche all’estero. Ispirata all’arte di arrangiarsi, si presta benissimo allo spirito comico partenopeo. La trama, che ha le caratteristiche tipiche della farsa napoletana, assume via via anche i contorni del giallo. Il titolo è metafora di una condizione sociale nell’Italia degli anni cinquanta; gli anni cosiddetti della ripresa, ma dove regna ancora una nettissima divisione in classi. La vicenda racconta di Salvatore Lamanna, che come mestiere fa l’invitato alle feste, ma abusivo, intrufolato, che cerca di mantenere la propria famiglia  attraverso inganni, truffe e sotterfugi.  Questa volta il capofamiglia ha forse esagerato e la faccenda  rischia di sfuggirgli di mano! Tra amori che nascono e inganni svelati la cruda realtà alla fine viene scoperta. Lo spettacolo propone una serie di situazioni comiche, al limite del grottesco, che assicureranno allo spettatore momenti di puro divertimento! Invitiamo gli appassionati ad essere presenti numerosi!

 

 

 

 

 

 

 

AUGURI FELICE ANNO NUOVO 2024

Sottocategorie

Compagnie Teatrali